Fabiana Leoncavallo 7 Giugno 2019
il nostro umore influenza quello dei nostri cani

In uno studio pubblicato su Nature’s Scientific Reports, viene dimostrato che i livelli di stress dei cani da compagnia possono essere correlati a quelli dei loro proprietari.

Quindi non soltanto sono “i migliori amici dell’uomo”, ma sembra che i nostri cani risentano del nostro stato mentale, che si riflette anche sulla stato psicofisico dei nostri amici.

Un gruppo di ricercatori svedesi ha studiato 58 cani, tra cui 33 Shetland Sheepdogs e 25 Border Collie, insieme ai loro proprietari. I cani selezionati erano valutati in base al sesso, alla razza e al livello di attività. Attraverso dei questionari standard sono state valutate sia la personalità del cane che quella del proprietario, che si è occupato di compilare la parte che riguardava il proprio animale domestico.

Inoltre i ricercatori hanno anche preso in esame il cortisolo, sia nei peli dei cani che nei capelli dei loro proprietari per un periodo di un anno. Questo ormone riesce a rivelare la quantità dello stress fisiologico, e tende ad aumentare, anche a valori elevati, durante stati di disagio psicofisici,  ad esempio durante l’esercizio fisico oppure la malattia.

Il dosaggio del cortisolo nei capelli è il modo ideale di misurare i livelli di stress, considerando la loro lenta crescita (circa un centimetro al mese) e la loro capacità di assorbire le sostanze che circolano nel sangue.

Impatto sui cani

I risultati hanno mostrato che durante il periodo di osservazione, c’è stata una correlazione significativa tra i livelli di cortisolo presenti nell’uomo con quelli dell cane.

Nei 57 cani presi in esame durante l’estate e nei 55 considerati in inverno, risultava che i livelli di cortisolo corrispondevano a quelli dei loro proprietari, dimostrando che avveniva un aumento o una diminuzione equivalente ai livelli di stress subiti.

Questa correlazione non è stata influenzata dai livelli di attività del cane o dalla sua personalità, bensì dal suo proprietario. Infatti, è stato notato che le persone con livelli alti di stress tendevano ad avere animali con il loro stesso stato emotivo.

E’ stato riscontrato anche che le femmine, avendo un legame più forte con i padroni, subiscono maggiormente la situazione di stress rispetto ai cani maschi. Precedenti studi infatti hanno dimostrato che le femmine di cani (oltre a ratti e scimpanzé ) sono emotivamente più sensibili rispetto ai maschi.

Ci sono anche prove che l’aumento dell’ossitocina (l’ormone dell’amore e del legame) nelle femmine di cane scaturisce dall’interazione con l’uomo, causandone un aumento del livello nel suo proprietario. Questo effetto non è stato riscontrato nei cani maschi.

Un fattore limitante per il nuovo studio è stato il fatto che non si riusciva a identificare nessuna causa di stress elevata nei proprietari di cani. Ciò che avveniva era che, indipendentemente dalla causa dello stress la reazione del proprietario influiva sui cani.

La nostra relazione con i cani

I ricercatori hanno a lungo discusso il concetto di quella che viene chiamata la diade del cane umano, cioè lo stretto legame tra l’uomo e il suo cane. Questa relazione, che si è sviluppata negli ultimi 15.000 anni è unica nel mondo animale.

Le prove suggeriscono che i cani si siano evoluti accanto a noi e di conseguenza sono entrati in sintonia con le nostre emozioni legandosi attraverso il contatto visivo.
Sebbene molti aspetti della relazione tra cane e uomo siano positivi (in particolare per noi), è probabile che ci possano essere alcuni inconvenienti dovuti a questa stretta relazione.
Sappiamo che non fornirgli l’assistenza di base come cibo e riparo sarebbe crudele, ma spesso non calcoliamo che trascurare le vite mentali dei nostri animali domestici, potrebbe avere un impatto negativo sul loro benessere.

Aiutare i nostri cani

I cani sono animali senzienti, ciò significa che possono provare emozioni sia positive che negative come piacere, comfort, paura ed ansia. Un cattivo stato mentale che agisce su un cane provoca emozioni negative, come ad esempio l’ansia, che possono portare a un malessere degli animali. Se i proprietari hanno un impatto sui livelli di stress dei loro cani, significa che anche loro svolgono un ruolo nel proteggere il loro benessere.

L’impatto che abbiamo sui livelli di stress del nostro cane potrebbe essere sia positivo che negativo, se ne riduciamo i nostri livelli è probabile che ridurremo anche quelli del nostro cane.

Sappiamo che lo stress cronico è dannoso sia per gli uomini che per i cani, aumentando la probabilità di ammalarsi e diminuendo la qualità della vita.

Ridurre i propri livelli di stress fa bene al padrone e, di conseguenza, al cane. Ci sono molti modi per ridurre i livelli di stress e la buona notizia è che alcuni di loro, come fare lunghe passeggiate in ambienti naturali, possono essere svolti con il proprio cane al fianco.La conversazione

Bronwyn Orr , Veterinario e dottore di ricerca, Università di Sydney .

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .