Il potere degli influencer

Come lavorare con successo con coloro che possono convincere i tuoi clienti ad acquistare i tuoi prodotti.

0
92

L’industria dell’influencer marketing raggiungerà i 10 miliardi di dollari entro il 2020.

Mentre gli influencer sono di gran moda nelle riunioni di marketing e nelle tavole rotonde di tutto il mondo, il marketing degli influencer non è nuovo, ma è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni grazie al potere dei social media.

Essendo cresciuto negli anni ’80, guardavo programmi TV come “The Cosby Show”, “Saved By The Bell”, “Differ’rent Strokes”, “Family Ties”, “Full House”, “Growing Pains” e “Alf . Indossavo marchi come Adidas (con i lacci grossi), Eastlands, Ocean Pacific e Swatch. Molte delle mie decisioni su ciò che ho acquistato si basavano sugli spot pubblicitari che vedevo guardando le celebrità dei miei spettacoli preferiti: Michael Jordan and Wheaties, Bill Cosby e Coca-Cola; persino Tony la Tigre mi ha fatto desiderare di provare Frosted Flakes. Quelle celebrità e altri erano gli influencer originali.

Passiamo rapidamente ai giorni nostri dove la conversazione sul marketing degli influencer è ancora diffusa e pertinente. Solo che questa volta, gli influencer sono il tuo vicino di casa o gli amici esperti di tecnologia dei tuoi figli.

Definiamo il marketing degli influencer come una forma di marketing che coinvolge celebrità o influenti esperti del settore incaricati di vendere un prodotto. L’ascesa dei social media ha dato vita alla definizione “influencer dei social media“, in cui i marchi lavorano con persone che hanno un enorme seguito su varie piattaforme di social media per vendere un prodotto.

Gli studi dimostrano che il 74% delle persone si fida dei social network nell’indirizzare le decisioni di acquisto, quindi ora le aziende stanno cercando di capire l’impatto degli influencer e come lavorare con loro.

Bene, soltanto che non esiste UN MODO per lavorare con gli influencer.

Spesso le aziende si consultano tra loro per ottenere consigli su come lavorare al meglio con gli influencer, ma dati i diversi budget, dimensioni del personale e risorse disponibili, ogni azienda avrà una risposta diversa, motivo per cui dico sempre che non c’è un modo di lavorare con influencer. Consentimi invece di darti alcuni consigli e approfondimenti che possono aiutarti a definire come la tua azienda può lavorare con gli influencer.

Ecco cinque suggerimenti per aiutarti:

1. Assicurati che la tua azienda abbia un consenso interno su come definire un influencer.  Nel mercato di oggi, chiunque può essere un influencer. La chiave sta davvero determinando se pensi che possano effettivamente “influenzare” qualcuno per acquistare il tuo prodotto. Con il 49% dei consumatori a seconda delle raccomandazioni degli influencer, sono convinto che gli influencer siano una parte importante della canalizzazione di marketing e il loro principale vantaggio è la creazione di contenuti. In realtà li definisco come creatori di contenuti e li uso in tale veste preferendo non affidarmi ad essi solo per influenzare le persone all’acquisto perché, siamo sinceri, il nostro non è l’unico prodotto che stanno vendendo.

2. Creare un contratto specifico con i risultati finali per ciascun influencer. Prima di iniziare, inizia pensando alla fine. Devi avere una visione chiara di ciò che desideri da ogni influencer con cui lavori. Ogni influencer ha una nicchia in termini di contenuti che coprono e risorse che possono creare per varie piattaforme. La chiave qui è trovare ciò che ti manca e lavorare con loro per riempire i buchi dei contenuti. Se ti manca la fotografia, metti maggiormente l’accento su questo. Se ti mancano articoli scritti, metti maggiormente l’accento su questo. Alla fine, il contratto dovrebbe essere reciprocamente vantaggioso.

3. Decidi cosa può offrire e offrirà il tuo ufficio in termini di ricompensa. Pagare o non pagare? Questa è la domanda. La ricompensa può essere monetaria e non monetario e mentre alcune società pagano sotto forma di denaro, altre pagano sotto forma di prodotti, biglietti e accesso a eventi. Qualunque cosa sia, è necessario chiarire preventivamente con l’influencer con cui stai lavorando. Ancora una volta, non esiste un modo giusto o sbagliato per farlo, ma penso che tutti possiamo essere d’accordo sul fatto che nessuno in questo mondo lavora gratuitamente.

4. Non ignorare le persone nel tuo cortile. A causa dei social media, ora esiste una classe crescente di influencer da cui puoi attingere a livello locale, definiti come “micro-influencer“. Queste sono persone che potrebbero non avere un seguito enorme in termini di numeri, ma avere follower altamente coinvolti e sono locali alla comunità in cui opera la tua azienda. Trovare influencer locali può essere relativamente facile, perché la maggior parte di essi potrebbe essere un cliente esistente e sarebbe più che felice di aiutarti nei tuoi sforzi di marketing.

5. Coltiva le tue relazioni influencer per opportunità future. Conosciamo tutti l’idea di “6 gradi di separazione“, e direi persino che nel mondo dell’influencer quel numero è ancora più piccolo. La maggior parte degli influencer viaggia con e conosce altri influencer, quindi usa quelle relazioni per costruire più relazioni con gli influenzatori in tutto il mondo. Puoi collaborare con i tuoi influenzatori locali per aiutarti a metterti in contatto con influenzatori fuori mercato.

Ricorda, il marketing è una maratona, non uno sprint. Gli influencer sono una risorsa aggiuntiva durante la gara, quindi se stai iniziando il tuo viaggio nel marketing degli influencer o anche se lo fai da anni, ricorda solo: “Non c’è UN MODO per lavorare con gli influencer”.