Come devono rapportarsi le aziende con l’Influencer Marketing ai tempi della COVID-19

L'ecosistema influencer potrebbe cambiare, ma ecco come i marchi possono adattarsi alla "nuova normalità" e continuare a costruire l'equità del marchio.

0
254

Man mano che la quarantena è entrata in vigore in molti paesi del mondo, i marchi e gli influencers hanno dovuto adattarsi rapidamente a destreggiarsi in panorama improvvisamente diverso in cui le priorità sono cambiate e tutto da analizzare.

Da marzo, abbiamo assistito a importanti cambiamenti nei tipi di contenuti e persino nelle piattaforme in cui agiscono gli influencers. Ecco cosa è cambiato e cosa possono fare i marchi oggi per cogliere le opportunità di marketing in modi pertinenti e impattanti.

Cosa è cambiato: le intuizioni

Non è un mistero che la COVID-19 abbia apportato rapidi cambiamenti al panorama degli influencers. L’utilizzo dei social media è aumentato e, in particolare, si è registrata un’importante crescita per TikTok.

Questa piattaforma, utilizzata fino a poco tempo fa prevalentemente da un’utenza adolescente o, comunque, prevalentemente molto giovane, recentemente, è diventata intergenerazionale. Influencers di tutte le categorie ed età lo usano per condividere contenuti divertenti e coinvolgenti.

Allo stesso tempo, c’è stata una diminuzione di alcuni tipi di contenuti. Ad esempio, l’interesse verso i prodotti legati alla bellezza e all’estetica in generale hanno palesato un evidente calo di interesse da parte del pubblico. Gli influencers non si sono fatti spaventare e hanno immediatamente reagito pubblicando nuovi tipi di contenuti, dimostrando quanto rapidamente gli influenzatori possano adattarsi per continuare a fornire contenuti che forniscano intrattenimento, istruzione e ispirazione.

Stiamo assistendo alla comparsa di nuovi influencers nel settore pubblico con molti governi che hanno coinvolto le celebrità della rete per veicolare informazioni sul nuovo coronavirus e sulle misure di distanziamento sociale. Certamente una nuova tendenza da aggiunegere a quelle in cui già si esprimevano gli influenzatori.

Tutto questo che ricadute ha avuto per le azienda che lavorano con gli influencers?

Ecco tre modi per avvicinarsi all’influencer marketing nei prossimi mesi e sfruttare al meglio la situazione attuale per aggiungere valore e continuare a costruire la propria brand equity.

Sperimentare nuovi formati

Sfortunatamente, i piani delle aziende per il secondo trimestre sono diventati da buttare e sono da riprogettare prima ancora che iniziasse, ma la necessità è un grande motivatore. Usa questo tempo per provare nuove idee: potrebbero essere nuovi contenuti o formati. Il pubblico vuole essere intrattenuto ed educato, quindi è più importante che mai. Inizia chiedendoti come il tuo marchio può aiutare in modo univoco il tuo pubblico in questo momento di crisi.

Abbiamo visto questo approccio in diversi modi, dai marchi hanno convertito le loro strutture di produzione (come i marchi della moda che si sono messi a produrre maschere per gli operatori sanitari ) alle partnership di marchi con enti di beneficenza per sensibilizzare il pubblico su igiene e sicurezza.

L’unica cosa positiva di questa fase così difficile per l’economia è proprio la possibilità di provare cose nuove e sbloccare il vantaggio creativo del tuo marchio.

Sfruttare la relazione con i creatori di contenuti

Gli influencers stanno vivendo come tutti questa crisi sanitaria. Usa il tuo tempo per raggiungere, chiedi come stanno e vedi se c’è qualcosa che puoi fare per supportare la loro creazione di contenuti. Non lasciare che la mancanza di contratti ti impedisca di coltivare relazioni con la tua comunità di influencers.

Detto questo, se c’è budget ancora disponibile, il tuo team dovrebbe continuare a collaborare con gli influencer di cui ti fidi per promuovere il tuo marchio in modo autentico. Sfrutta questa opportunità per rafforzare le relazioni, verificare con i tuoi influenzatori, interagire di più con i tuoi sostenitori organici e trovare modi per supportare i tuoi influenzatori che vanno oltre i contenuti sponsorizzati. Il modo in cui trattiamo i nostri influenzatori in questo momento si rifletterà sui nostri marchi, quindi è importante mantenere relazioni positive.

Lascia che i dati guidino il tuo processo decisionale

Le attuali circostanze richiedono a tutti di osservare da vicino i propri piani e budget e capire come adattarsi. Avere i dati per prendere le giuste decisioni su dove investire i budget destinati all’influencer marketing sarà fondamentale.

L’analisi delle conversazioni online potrebbe aiutare a capire quale tipo di contenuto e formato funziona e perché.

Quali sono i fattori importanti in questo momento?

Considera come è cambiata la produzione di contenuti e osserva chi e cosa sta guadagnando il coinvolgimento sui canali social. Dai un’occhiata più da vicino per vedere se le menzioni della tua categoria di mercato sono cambiate.

Adottare un approccio approfondito aiuterà a capire su dove riposizionarti stregicamente. Puoi anche sfruttare informazioni che ti aiutino a individuare creatori emergenti che stanno creando i contenuti più coinvolgenti e creativi con i maggiori tassi di coinvolgimento.

Mettere tutto insieme

La navigazione in questo nuovo ecosistema richiede l’accettazione di una “nuova normalità“. Non sappiamo ancora quando o come gli affari torneranno alla normalità. Ma quello che possiamo fare in questo momento è diventare creativi, costruire relazioni e cercare di capire dove si trovano le opportunità.

L’ecosistema dell’influencer marketing potrebbe cambiare, ma i marchi capaci di adattarsi alla “nuova normalità” non solo sopravvivranno, ma prospereranno durante e dopo la quarantena.